IL BIG BANG DEL PENSIERO

Apprendiamo oggi [1] il programma di Obama di investire almeno 3 mld di dollari in scienza del cervello, aspettandosene frutti per molti più mld di dollari:
se la mia opinione contasse qualcosa, gli darei tutto il mio sostegno.

Penso che i suoi veri avversari non saranno tanto i soliti Repubblicani, bensì gli entusiasti a torto, quelli che chiamano il cervello:
“il motore – ecco la parola – della percezione, della coscienza, dell’azione umana” [2] :
ma no!, il cervello non muove proprio niente, è il pensiero a muovere, spesso male:
se muovere toccasse al cervello, esso stesso sarebbe come l’Alzheimer o il Parkinson anche senza lesioni cerebrali.

Il moto è il mestiere del pensiero, e il cervello gli corrisponde davvero bene, pur senza capirci niente ossia non è intelligente:
non c’è intelligenza artificiale, è l’intelligenza a essere artificiale, così come la stupidità e la schizofrenia.

Dalla natura (cervello) al pensiero c’è un salto meta-fisico inspiegabile naturalmente:
il pensiero e il suo soggetto grammaticale-attivo sono simultanei e inscindibili, eccoli lì, bang:
il pensiero con il suo io è un invisibile che non deve venire dimostrato.

Ciò è vero anche e fin troppo nella coazione psicopatologica:
lo dice bene una nota e corretta espressone italiana, “Non fare il di più!”

Il pensiero è autonomo dal cervello senza avere  poteri superiori ad esso, né estensione superiore, cioè senza magia né occultismo:
l’occultismo è iperscientista, non c’è contraddizione se uno scienziato la sera fa i tarocchi.

Per finire con una nota di umorismo triste, quante cellule cerebrali abbiamo?:
cento miliardi, wow! commentano commossi in tanti, i medesimi che si sbracciano mentalmente all’idea di tanti miliardi di galassie, wow! wow!, “un casino!” direbbe sogghignando qualsiasi ragazzo:
la puerilità mi sembra la patologia più estrema della nostra epoca.

_____________

[1] Corriere e Repubblica martedì 19 febbraio.
[2] Prendo questa frase da uno degli articoli della nota precedente.

mercoledì 20 febbraio 2013

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.