I NUOVI CONVENTI

Continua da ieri (Occultismo sessuale).

Al netto della differenza sessuale, i matrimoni gay mi sembrano analoghi a quelli di monaci  e monache che si smonacano e poi si sposano biunivocamente tra loro in una sorta di clericalismo sessuale rigorosissimo, magari con voti solenni di castità senza “vizietto”.

Più che matrimoni sono conventi.

La differenza sessuale è una metafora del sale:
insaporisce nella contingenza anche i sessi, proprio come insaporisce pensiero, frase, azione (ma anche pensiero e frase sono azione).

Come differenza senza alcuna essenza nei due versanti biologici, assume la rappresentanza della differenza di ogni rapporto che tale sia:
cioè la reciproca eteronomia di due partner autonomi, ognuno dei quali applica all’altro l’adagio romano “quod principi placuit legis habet vigorem”, che ho abbreviato in “dì tu”, o anche “pensaci tu” o “fa’ tu”.

Cest l’amour.

Ognuno dei due (o più di due) sarà veramente colto se saprà offrire all’altro il proprio piacere:
al che si oppone la patologia, e radicalmente la melanconia antigonea.

giovedì 7 febbraio 2013

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.