BACILLOCULTURA

In che cosa il pensiero di Platone si differenzia dal pensiero della mia colf peruviana?:
in principio in nulla, ambedue danno la legge della loro vita, quella che io chiamo, con più precisione, legge del moto dei loro corpi in relazione con l’universo dei corpi e anche delle loro difformi leggi, ossia in uno habitat del pensiero contraddittorio e incoerente.

Essi si differenziano solo nel fatto che quello di Platone si articola intenzionalmente (intenzione politica) e saputamente (un sapere magro come riconosce Socrate) con la Cultura:
la Cultura sia nel significato scolastico e banale della parola (sì, banale), sia nel significato freudiano di habitat intellettuale-spirituale-simbolico sfavorevole, in cui abita sfavorito il nostro pensiero, un habitat che condanna il pensiero all’insoddisfazione:
tale habitat è comune a Platone e alla mia colf, salvo nascondere questa comunanza censurandola per mezzo della Cultura in senso scolastico(-universitario) e banale:
l’Universitario odia questa parola, “banale”, se riferita al suo ambito.

Poche cose detesto di più del titolo di un recente articolo, Il valore intrinseco della cultura [1]:
ci siamo fino al collo da millenni, e la Modernità resta incapace più di prima di riconoscere che la cultura è la Cultura o Kultur freudiana, contraddittoria e incoerente, habitat sfavorevole, mix di grano e zizzania su terreno di cultura buono anche per i bacilli o i virus.

____________

[1] John Armstrong, la Repubblica 3 febbraio.

martedì 19 febbraio 2013

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.