L’AMORE NON É DI FAMIGLIA (bis)

Tra le mie autovalutazioni, l’articolo di ieri con lo stesso titolo è tra i miei migliori nell’osservare che la famiglia, realizzante l’Istituto giuridico del matrimonio, non è il sito dell’amore:
almeno si smetterà di dire che il matrimonio è la tomba dell’amore:
e insieme di dire che l’amore, se è, è una faccenda privata e interiore, e ovviamente mistica.

L’amore, ripeto, è un nome di un distinto Ordinamento, un altro mondo in terra, senza più strologare i ludi dell’illusorio “Cielo” degli antichi.

C’è un solo “Cielo”, il cielo infernale del “Simbolico” cioè delle Teorie che ci infestano e infettano:
io lavoro, come medico, di disinfestazione, non di disillusione o disincanto.

Notabene

Farò ancora il buon cristiano rammentando il Catechismo:
Gesù è “asceso”, ok?, ma dove?, in cielo?, mannò in terra:
infatti diciamo che ha le gambe cioè cammina, e soprattutto che ha corde vocali e lingua cioè parla, e non certo le “lingue degli angeli” che non hanno corde vocali:
oppure non è vero niente, come il Barocco ci catechizza da secoli.

mercoledì 16 gennaio 2013

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.