BUCHI

Una persona della mia stessa compagnia in visita a Israele (vedi lunedì 7 gennaio) ha commentato pertinentemente:
“Nei ‘Luoghi Santi’ ho visto soltanto dei buchi”, peraltro dei buchi dislocati rispetto a dove sarebbero se le informazioni storico-topografiche fossero attendibili.

Mi repelle rimembrare quel buco gracchiante che è noto come “Santo Sepolcro”.

In breve, non c’è Terra Santa, né buchi, anche se ne rispetto l’estesissima idea altrui.

La memoria nella sua compulsione non santifica nulla, non c’è santa compulsione ma solo patologia, di cui la Storia è la poco santa sede.

Scriveva J. Lacan che shistoriser è shystériser:

dal contenuto informativo della Storia sappiamo che l’isteria con ciò che le segue ha fatto colare molto sangue.

Insisto nel mio cristianesimo, replicando ai miei correligionari che mi rimprovererebbero
– quelli che vorrei, come Freud, poter chiamare i miei co-irreligionari –:
“Lasciate che  i morti seppelliscano i loro morti”.

giovedì 10 gennaio 2013

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.