A TUTTI I VENEHUC DEL MONDO

Un mio Prof di Liceo, un reazionario tanto esemplare da suscitare la simpatia di qualsiasi rivoluzionario, egregio latinista e grecista, sapeva essere una pregevole peste bubbonica:
nel primo anno del Classico un mio compagno di scuola, richiesto di tradurre in latino “Vieni qui” rispose “vene huc”, e mal gliene incolse perché il suo errore (avrebbe dovuto rispondere “veni huc”) gli valse spietatamente di venire poi sempre chiamato “Venehuc” per tutti i tre anni di Liceo.

Dedico questo articolo a tutti i Venehuc patologici del mondo, ossia a tutti coloro che, banchi di scuola a parte [1], si impuntano invariabilmente nel loro errore patologico, tanto da essere dei Venehuc per tutti.

Non che non se ne accorgano (la coscienza va a “nozze” con psicosi e perversione), ma secondo la durezza della loro rimozione-negazione diventano sempre più, giorno dopo giorno, dei paranoici – poiché in fin dei conti a nessuno sfugge nulla, tutti sono dei diagnosti involontari –, fino alla variante querulomane.

_____________

[1] Mi ci sono voluti anni per capire, neanche l’errore del mio compagno ma la sua categoria di errore: quella di non avere risposto “non lo so”. Cambierebbe tutto rispetto al dare una risposta forzosa (vene) derivante dall’ignoranza patologicamente ignorata.

giovedì 31 gennaio 2013

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.