VIA D’USCITA

Il linguaggio non è casuale:
“via d’uscita” designa compromesso, che è la soluzione inquadrata come uscita da una trappola:
ma l’immagine della trappola, o mondo chiuso, non è il compromesso ma il suo correlato ideologico, come un planetario ovviamente a sfera (trappola è la sfera, lavorativa sessuale politica eccetera).

Di compromesso viviamo a ogni livello, e vi sono compromessi normali
– quel poco di normalità che conosciamo consiste nel fare compromessi, guai all’espressione “scendere a compromessi” –,
e non solo  patologici
– la patologia è anch’essa compromessi, salvo la psicosi che all’estremo non “scende” a compromessi ma solo nella fogna, come Narciso che siede nelle sue deiezioni e ascolta solo la sua eco –.

Resta da distinguere, come già segnalava Freud, fogna psicotica e fogna perversa.

Compromesso è soluzione, ma non ogni soluzione è compromesso, e sta in ciò l’ uomo nuovo se ci fosse:
la soluzione senza compromesso è quella del santo ma attenzione, è uno che non fa il pistolero ma gioca a biliardo (parte da tre).

Soluzione è via d’entrata (all’aperto), per arrivare, parvenir:
in passato mi sono fatto dei nemici osservando che senza parvenir (J. Lacan) si diventa dei parvenu.

mercoledì 12 dicembre 2012

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.