RAPPRESENTANZA

Ho appena scritto che la scienza non sa nulla del pensiero (e del diritto), e che questo limite non è una pecca, al contrario qualifica la scienza con una linea di demarcazione che molti hanno a lungo cercato (Popper per primo):
quando si crede di superare la linea si finisce nel delirio, come nel vaneggiamento sul neurone della poesia (o della musica, e perché non il neurone sociale?)

Non che sia falso che la logica è una scienza (a sé) del pensiero:
ma è stata trascurata la logica freudiana, quella per cui il pensiero assume la rappresentanza (Repräsentanz) del corpo preso nella sua rappresentazione intuitiva (Vorstellung, comune e medica), così che il mangiare, il fare l’amore, e ogni azione anzitutto quella del parlare, hanno esistenza ulteriore, aldilà, non fisica ma meta-fisica, e senza scomodare il “Cielo”.

Nel fare questo il pensiero fornisce l’individuo di una Costituzione proprio come la Costituzione italiana, americana eccetera assume la rappresentanza (non la rappresentazione) dell’intera popolazione:
il cosiddetto “totalitarismo” non opera per Costituzione, ossia giuridicamente, bensì per rappresentazione del “corpo” sociale come delirio, mentre nella Costituzione non si dà alcun corpo sociale (“massa” o “gruppo” o “comunità” o “razza”), bensì solo l’individuo nel suo possibile legame con tutti gli altri individui di un medesimo ambito geografico (quello cui si riferisce la Costituzione).

La Costituzione individuale tende o almeno tenderebbe (in assenza di patologia), alla rappresentanza dell’individuo per l’intera popolazione, al regime universale dell’appuntamento, quello che la Costituzione dei paesi permette, perfino può favorire, ma non prescrive e neppure lo può fare (è impossibile prescrivere alla società di essere una società).

Importa osservare che i “Paradisi” sono privi di Costituzione.

martedì 20 novembre 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.