INSOPPORTABILE INFINITO

“Niente è più difficile da sopportare di una serie di belle giornate”.

Lo pensavo già da bambino, senza ancora sapere che lo aveva scritto nientemeno che Goethe [1].

L’ho ripensato più volte, specialmente diversi anni dopo in una mia vacanza estiva sul mare greco, sempre lo stesso.

Insopportabile significa angoscia, ma perché?:
non perché le belle giornate siano spiacevoli, non perché io preferisca lo Sturm und Drang – per il quale ammetto di avere avuto un debole fin dalla mia passione di prima infanzia per le tempeste –, ma per la serie senza meta ossia per la noia-angoscia dell’infinito numerico, dell’infinito:
l’infinito non finisce … mai!

Posto che esista il “Paradiso”, se è una serie di belle giornate io non ci vado.

Pascal doveva essere molto annoiato, oltre a essere molto noioso.

______________

[1]

Alles in der Welt lässt sich ertragen
Nur nicht eine Reihe von schönen Tagen
”.

mercoledì 28 novembre 2012

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.