A CHE COSA RINUNCIAMO?

Perché rinunziamo? è un articolo di Corrado Alvaro del 1944, citato nel recente libro di Salvatore Settis Azione popolare. Cittadini per il bene comune, appena recensito da Barbara Spinelli [1]:
la domanda è importante perché collegata con crisi e finanza.

Né Alvaro né Settis né  Spinelli mostrano di sapere, mi pare, che il tema della rinuncia è quello principale di Freud, la rinuncia dell’individuo civile (chiamata Triebverzicht o rinuncia pulsionale):
e siamo sempre lì.

Sposto la domanda in A che cosa rinunciamo?:
risponde bene Maria Delia Contri [2]:

“L’alternativa tra un modo di pensare che accetta, anzi esige, ‘sacrificio dell’intelletto’, e un modo di pensare indisponibile a rinunciare alla propria competenza, più che un’alternativa è un antagonismo, un conflitto insanabile, e vale per essa la tesi weberiana circa ‘l’impossibilità di conciliare e risolvere l’antagonismo tra le posizioni ultime in generale rispetto alla vita’ ”.

La rinuncia è al pensiero, al pensiero in quanto profittevole:
il pensiero in quanto profittevole fa il laico (allora Kant è clericale).

___________

[1] Scene da un patrimonio, la Repubblica martedì 6 novembre, 35.
[2] In Manager dell’occulto e volgo profano, Link

venerdì 9 novembre 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.