RAPE VANE

Ho già parlato di questo calembour piemontese di Pavese:

“Pupe fiape [fiacche, scipite] come rape,
rape d’üa [graspi d’uva] d’una fumna patanüa [femmina nuda]”.

Sorvolo sullo stato del desiderio di Pavese, resta vero che la sola natura riduce il desiderio in questo stato, intendo il desiderio in generale.

Significa che vale in generale il detto triviale “cavare sangue da una rapa”, il quale dice che non c’è nulla tra la compulsione (la “concupiscenza”) e l’indifferenza.

É lo stato cui ci riduce l’ontologia, o il primato dell’oggetto, o con formulazione spinoziana l’homo sive natura (cognitivismo, neuroscienze).

Infine, la concezione estatica del Paradiso scopre le carte gettando la spugna:
tutti gli enti sono rape da cui non si può cavare nulla di vivente, “Dio” compreso, non può esserci “Regno”, realtà sociale con i moti soddisfatti, dunque la massima fede è vana.

martedì 2 ottobre 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.