“PLACIDO SI CHIAMAVA”

Ricordo F. F. dai tempi universitari, lui lettere io medicina, era affabile, colto, brillante, spiritoso, modesto, inventivo, buon compagno.

Ma poi un giorno inventò una canzone, parole e aria, intitolata come sopra che da lì a poco fu la sua via d’accesso a una schizofrenia patente da cui non uscì più (ma non ne so più nulla da dieci anni).

Intendo che il suo pensiero si è sempre più inoltrato nella palude della prima strofa:

“Placido si chiamava
altro io non so,
era un buono a nulla
che santo diventò.”

Nella comunità cattolica di cui era parte, e che adottò la sua canzone, nessuno colse l’insidiosità di queste frasi, che peraltro lo è anche per l’idea cattolica di “santo”, che qui risulta definito come chi non sa e non può:
io che mantengo valida l’idea di santo, lo considero uno che ha almeno un certo sapere e un certo potere.

Schizofrenia perché non c’è lavoro, come Narciso:
Narciso non lavora, vuole essere un puro ente, essere amato per quello che “è”.

La Costituzione individuale, ancora prima di quella italiana, enuncia “L’individuo è una realtà pubblica fondata sul lavoro”:
un 1° lavoro rispetto a un 2° lavoro, quello socialmente necessario.

venerdì 14 settembre 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.