“RAPPORTO” MEDICO-PAZIENTE

Non ce n’è, ed è finita qui:
c’è semplicemente professionista e cliente, o utente.

Più anni fa un medico che conoscevo mi ha obiettato piccato:
“Ma io non sono un veterinario!”:
errore, perché un animale non può essere cliente né utente, mentre era lui a concepire l’uomo come animale secondo la più vecchia idea di uomo (già aristotelica):
biologico non significa animale, quest’ultimo è solo un caso particolare del biologico.

Però è vero che c’è una tracimazione del malato che trasferisce sul medico un’idea di autorità anche se questo non ne dispone affatto:
ciò è dire che il medico non sa trattare questo trasferimento (“transfert”), e che farebbe meglio ad astenersi, almeno per non essere tanto ridicolo da volere far credere di “amare” il proprio paziente:
ridicolo o peggio, infatti il medico che pretende di amarlo ed educarlo fa un’autodiagnosi di sadismo, dato che gli mette le mani addosso.

Lo psicoanalista non gli mette addosso neppure le parole:
questo è ciò che gli hanno fatto coloro che lo hanno ammalato.

lunedì 16 luglio 2012

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.