OSCURANTISMO IN PROGRESSO

Rieccolo l’antico oscurantismo uomo-animale, che gli illuministi non sono riusciti a illuminare:
rieccolo in un articolo di giornale, I neuroni della socialità (!?) [1] , che conosco per segnalazione di Elena Benzoni:

Inizia male:
“L’uomo è l’unica specie ad avere rapporti stabili di collaborazione extrafamiliari”:
1. già la parola “specie” è pre-giudiziale senza parere, cioè preteorizza l’uomo come una specie animale tra altre;
2. il pre-giudizio trova conferma nel caratterizzare l’uomo per differenza (dalle altre specie) anziché per autonoma proprietà.

Continua peggio, basta un florilegio del dogmatismo:
“il cervello umano crea e seleziona i processi nervosi della convivenza”; “le neuroscienze hanno trascurato a lungo i meccanismi nervosi della socialità umana”; “neuroscienza sociale, eccetera”; “architettura neurobiologica generale dei processi cognitivi”; “neuroendocrinologia sociale, eccetera”; “l’amigdala, organo della paura e dell’aggressività”.

Prendo le difese dell’innocente amigdala:
1. domando come si possa, in base alla comune esperienza umana, ignorare la distinzione tra paura e angoscia:
2. basta questa distinzione per costruire una tutt’altra architettura dei processi cognitivi;
un uomo può essere cattivo, sadico, vendicativo, bastardo, non aggressivo (anche quando aggredisce, ma non si tratta di espressione − bella parola! − dell’“aggressività”).

Ma noi abbiamo dalla nostra anzitutto il bambino, in cui la lingua è immediatamente intelletto, e senza passare per quell’apprendimento che è debitore della didattica:
la non-animalità dell’uomo è un dato elementare e precoce dell’esperienza:
il suo neurone è immediatamente intellettualizzato:
è il pensiero a trafficare subito il fido neurone, ottimo lavoratore che non conosce la fatica e si iscrive al PhD fin dai primi giorni (il bambino dovrà aspettare più di due decenni).

____________

[1] Arnaldo Benini, Il Sole-24 Ore, domenica 24 giugno.

mercoledì 11 luglio 2012

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.