LA PARTICELLA DIDDÌO

I nomi delle particelle elementari sono quasi tutti legati al senso dell’umorismo dei fisici, non sempre soverchio:
dunque il bosone di Higgs, ora scoperto come realmente esistente contrariamente alla scommessa di Stephen Hawking, potrebbe benissimo chiamarsi la particella Diddìo.

Infatti.

Un fisico e matematico noto, Brian Greene, ha appena scritto [1] che la scoperta della particella di Higgs ha provocato in lui un “brivido di emozione” (io riservo diversamente le mie emozioni, che non chiamo così);
un altro autore ha scritto del “rilievo filosofico [della scoperta] per l’importanza sul senso totale del nostro essere qui”.

Ma la parola “senso” continua a essere tirata da ogni parte come il chewing-gum, in-sensatamente:
da lungo tempo rappresento questa parola con la freccia →, senso del moto di un corpo che ha una conclusione o meta che chiamo anche soddisfazione:
e in natura i soli corpi il cui moto potrebbe avere soddisfazione (conclusione reale e logica insieme) sono i corpi detti “umani”, che continuano a sbattersi in tutti i modi intorno alla loro questione di soddisfazione:
non vedo dunque come si possa parlare di “senso totale del nostro essere qui”, o anche di “senso della vita”:
ci può essere solo senso del moto di un corpo umano, individuale come tale (non “la vita”).

Insomma si annulla il senso facendolo spirituale (religioso o no), mentre il senso → è quello del moto di un corpo ossia è materiale:
spirito o intelletto riguardano il significato non il senso, quello fa buona compagnia a questo, quando c’è.

Storicamente c’è stata una sola presa di posizione che dice ciò che dico io, ed è il cristianesimo, e qui la fede religiosa non ha a che vedere, importa solo la presa di posizione o asserzione:
l’asserzione che la morte non ostacola il senso (“sorella morte” scriveva Francesco), neppure quello del rilancio della vita individuale (non “la vita”) in quello che equivocamente è stato chiamato “cielo” perché non potrebbe trattarsi che di terra, essendo abitata da corpi tanto quanto prima.

Nessuno deve essere giuridicamente obbligato a essere o restare cristiano (come invece accade nell’Islam in cui l’apostasia è un reato), mentre lo dovrebbe logicamente, perché il cristianesimo è solo nell’asserire nella continuità il senso reale e materiale dei corpi ossia la soddisfazione (non che questo pensiero sia durato a lungo, poi il senso è stato spiritualizzato).

Il bosone non ha senso e non lo conferisce:
potrebbe sperare di riceverne dalla nostra soddisfazione.

Ammesso che “Dio” abbia creato, avrebbe creato la banalità (o “natura”) avendo in testa il bosone o particella Diddìo, ed è forse per non finire come Banal grande che ha generato la non banalità detta “uomo”.

É tempo ormai che non si tratta più di negazione di “Dio” ma di negazione dell’uomo, quasi senza eccezioni:
i “diritti umani” sono qui debolissimi.

_______________

[1] La Repubblica giovedì 5 luglio.

venerdì 6 luglio 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.