NON SCHERZARE CON I TERREMOTI

Ora c’è quello dell’Emilia, poco prima quello irrisolto dell’Aquila.

Numerosi anni fa (primi ’80?, fine ’70?) ce n’è stato uno molto sentito a Milano:
nel mio studio di Largo Augusto 3 non solo si spensero le luci come in tutta la zona, ma le mie librerie metalliche presero a sbattere reciprocamente con sonora monotonia.

Il mio cliente, o paziente, e io reagimmo da veri gentlemen inglesi, senza emozioni:
dopo almeno un minuto, ossia molto, egli intervenne con voce calma e razionale:
“Scriverò un libro sulle origini psicosomatiche dei terremoti!”

Egli non scherzava con i terremoti, e neppure io oggi:
parlerò invece del sublime (o del mistero) dei terremoti, delle eruzioni dell’Etna, degli tsunami.

lunedì 18 giugno 2012

 

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.