LA FINANZA É UN’ETICA

Già ai “vecchi tempi”, quando J. Lacan diceva che “la psicoanalisi è un’etica”, replicavo che sì, ma che l’etica non è una sola, e che non tutte le etiche hanno buoni natali, per esempio il Nazismo è stato un’etica, anzi è come tale che si è voluto.

Anche il capitale finanziario è un’etica, si vedano i miei:
Quattro osservazioni sul capitale finanziario, martedì 15 maggio,
Desolazione finanziaria, mercoledì 23 maggio.

In quanto etica di 1. non mercato, 2. non rapporto, 3. non imputabilità, 4. non ricchezza, è l’etica dell’idiota:
o anche, come scrivevo già tanti anni fa, l’etica del “Diavolo”, che è l’idiota assoluto e ha come unica forma di intelligenza quella di rendere tutti idioti come lui.

Difficile chiamare “ricchezza” il capitale finanziario.

É già stato scoperto l’idiota di Lehman Brothers in almeno un film sulla finanza (uno molto recente):
Jeremy Irons lo ha interpretato benissimo.

Si osservino i quattro fattori suelencati, 1. 2. 3. 4., per vedere che li si ritrovano tanto in Lehman Brothers quanto nelle patologie più sfatte.

martedì 5 giugno 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.