RIMPROVERO

Lo dico riprendendo dal finale di ieri:
mi hanno rimproverato (in forme e fonti diverse da decenni) di reggere insieme Freud e Gesù (ho perfino scritto che se il secondo siede alla destra del Padre, il primo siede alla sua sinistra).

Quanto a razionalità del rimprovero, mi trovo bene perché si tratta di una medesima ragione:
nell’uno e nell’altro caso c’è un medesimo pensiero, quello del successo o riuscita o soddisfazione dell’umanità in quanto tale benché contro ogni speranza, ossia dell’essenza detta “umanità”.

In Freud si tratta di guarigione possibile-pensabile, ossia di salute come salus unificata, senza più la tradizionale scissione tra salute da medico e salus da prete,  ossia del passaggio a una soddisfazione non più metodicamente inibita con angoscia e sintomo.

In Gesù si tratta (“ascensione”) non di obbligo (resurrezione come “destino”) a vivere sempre (ho già scritto che io non ci vado), bensì di desiderabilità della condizione umana (negata da tutti, Greci o Buddha).

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.