RIMPROVERO

Lo dico riprendendo dal finale di ieri:
mi hanno rimproverato (in forme e fonti diverse da decenni) di reggere insieme Freud e Gesù (ho perfino scritto che se il secondo siede alla destra del Padre, il primo siede alla sua sinistra).

Quanto a razionalità del rimprovero, mi trovo bene perché si tratta di una medesima ragione:
nell’uno e nell’altro caso c’è un medesimo pensiero, quello del successo o riuscita o soddisfazione dell’umanità in quanto tale benché contro ogni speranza, ossia dell’essenza detta “umanità”.

In Freud si tratta di guarigione possibile-pensabile, ossia di salute come salus unificata, senza più la tradizionale scissione tra salute da medico e salus da prete,  ossia del passaggio a una soddisfazione non più metodicamente inibita con angoscia e sintomo.

In Gesù si tratta (“ascensione”) non di obbligo (resurrezione come “destino”) a vivere sempre (ho già scritto che io non ci vado), bensì di desiderabilità della condizione umana (negata da tutti, Greci o Buddha).

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.