DEMENTIA IN CATHEDRA PETRI

Una parola ancora sull’innocente famulus del Papa da sei anni, Paolo Gabriele, che come un cretino avrebbe trasportato a casa sua, a due passi, quattro scatoloni di documenti vilmente trafugati al Papa:
la sola idea è così demente – penso alla dementia praecox di E. Kraepelin poi detta schizofrenia – che potrebbe solo provenire dal manicomio preferito del Vaticano.

Quello che ha privato il Papa di un famulus con infamia mondiale, è un demente imputabile come demente:
quando ero piccolo, ciò era il corrispettivo delle bombette puzzolenti, scagliate per rovinare l’atmosfera:
risultato, non c’è più Papa, e la cosa mi secca.

Il concetto “Papa” è laico, e penso di averci laicamente “preso” (vedi ieri):
è uno che rappresenta ognuno nella sua salute o competenza in quanto individuo umano, ossia nella sua cat-olicità possibile ossia facoltà di parlare urbi et orbi:
per chiarire, l’opposto della cat-olicità è la dialettalità logica o logico-linguistica, l’impossibilità a parlare aldilà del “natìo borgo selvaggio” leopardiano:
che cosa sia la psicopatologia è stato eccellentemente definito dalla celebre frase di Leopardi:

Né mi diceva il cor che l’età verde
Sarei dannato a consumare in questo
Natìo borgo selvaggio, intra una gente
Zotica, vil (Le ricordanze).

Non faccio proselitismo cattolico quando rivendico come cat-olica la salute psichica in opposizione al borgo psichico o provincialismo mentale.

Freud ha lavorato in questo senso, che io ho non lasciato ma rinforzato.

giovedì 31 maggio 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.