VENGO/S-VENGO

Vale ancora il testo di M. D. C. indicato ieri.

Quanto all’arroganza – ad-rogantia – della preghiera quando è tale ossia quando è pensiero (vedi ieri), osservo che, se esistesse un vero Tiranno, proibirebbe severamente la preghiera:
infatti, essendo cattivo ma non stupido, saprebbe che il vero pregante fa sul serio, e che nel tempo di attesa si porta avanti coi lavori senza attendere temporalmente ossia senza perdere tempo.

Proseguo oltre ieri:
in ogni specie dell’atto, intellettuale incluso, in definitiva si tratta sempre e solo dell’alternativa pratica(-morale) tra venire e s-venire, trattandosi sempre e solo, in ogni specie dell’atto, di regime dell’appuntamento.

Il piccolo deliquio isterico a tutti noto, e celebrato dalla letteratura oltre che dalla celebre foto di Charcot, è solo un modesto e ormai un po’ ridicolo caso di s-venimento isterico, mentre lo s-venire nei suoi cento modi è la categoria stessa di isteria, premessa di ogni psicopatologia.

Da trenta anni almeno viene ufficialmente negata l’esistenza stessa dell’isteria, il che è la base per respingere tutto Freud:
ora – ricordo che da circa dieci giorni parlo esplicitamente di scienza –, premessa questa volgare e grossolana nonché violenta negazione, come si può credere che nella nostra Cultura la scienza stia ancora a cuore?

lunedì 19 marzo 2012

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.