SCIENZA?

Perché ci sia scienza occorrono le cartesiane idee chiare e distinte, come condizione necessaria benché ancora non sufficiente:
oggi e da decenni tutto il campo a prefisso “psico-” non solo non le ha, ma si propone come ostile alle idee chiare e distinte:
basta dare un’occhiata alla vergognosa slavatezza del lessico e delle frasi degli psico-.

Ero studente di medicina quando iniziavo ad annusare questo dibattito tra scienza e psico-, e constato che gli anni non hanno dissipato le ombre ma accresciuto l’oscurità, anzi orientato all’oscurantismo:
Freud per primo e unico ha messo in guardia dall’oscurantismo anzi occultismo moderno, di cui la psicologia è il principale veicolo.

Questa volta mi riferisco all’ancora recente processo di Lilla il 26 gennaio scorso, in cui entrava in discussione non solo la politica lacaniana riguardo all’autismo, ma anche la scientificità della psicoanalisi [1]:
nel dibattito seguitone c’è stato chi ha proposto l’idea, e espressione, della psicoanalisi come “scienza a statuto speciale”:
Poiché faccio lo psicoanalista (freudiano, discepolo di J. Lacan non lacaniano) da quarant’anni, ho appreso con tolleranza che anche uno psicoanalista può avere una brutta idea così come prendere una brutta sbronza, e che può uscirne illeso se non si impunta.

Senonché, e non mi scandalizzo, la sbronza era già degli anni ’20 del Novecento, quando la maggioranza degli psicoanalisti, nella loro frontale opposizione alla Questione dellanalisi dei laici di Freud (1926), cominciavano a concepire la psicoanalisi come professione a statuto speciale:
anni dopo qualcuno avrebbe detto “extraterritoriale”, insomma il buon selvaggio in Città, sempre ridicolmente a metà tra istinti e semafori.

Proseguirò sulla psicoanalisi come scienza (e professione) a statuto normale, a beneficio della normalità generale.

____________

[1] Si veda Gilberto Corbellini, Lautismo dei lacaniani, Il Sole 12 febbraio 2012, seguito per lo stesso autore da: Senza prove non è terapia, Il Sole 4 marzo.

giovedì 8 marzo 2012

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.