LA PRE-SCIENZA DI ODIFREDDI

Piergiorgio Odifreddi [1] non ammetterebbe nessuna delle quattro rivoluzioni scientifiche post-copernicane che recentemente ho riproposto (3° rivoluzioni del pensiero, venerdì 3 febbraio, insieme agli articoli che hanno preceduto e seguito di poco):
meno che tutte quella riguardante l’istinto o l’animalità dell’uomo, anzi sospetto che gli sia impensabile.

Non meno impensabile del fatto che l’uomo è razionale anche quando è irrazionale:
è il concetto stesso di “contraddizione”, dopo di che cercheremo la ragione della contraddizione, ed ecco l’opera di Freud.

Bisogna proprio essere bestia per credere che l’uomo si contraddice perché è un po’… bestia (magari “graziosa e benigna”).

La logica resta incompleta finché non si riconosce la contraddizione necessitata o coatta dall’angoscia nella psicopatologia, per risolvere in qualche e inappropriato modo un impedimento del corso del pensiero, che allora farà un giro errato, patogeno e spesso pericoloso:
Freud ha fatto la scienza di una classe di errori logici (e anche qualcosa di più).

Considero ora, di Odifreddi, la conclusione veterinaria sulla scienza riferita all’uomo, la medicina, cito:
“Che cosa c’è di più importante, per l’uomo, dell’uomo stesso? [ovvio]. Lo studio dell’uomo è quello che ci interessa più da vicino [ovvio così-così, perché anche l’entomologia è studio], e la medicina è il tentativo di rendere scientifico questo studio in generale e la cura delle malattie in particolare [ovvietà nulla]”.

Infatti, tutta la medicina è una veterinaria differenziale (anatomo-patologicamente, fisio-patologicamente, e in generale biologicamente: è una veterinaria), interpolata da apporti propriamente umani (in particolare, da quella che in altri tempi si chiamava ancora “psicosomatica”).

Da decenni, e non per colpa di Odifreddi, siamo pervenuti alla negazione della psicopatologia come propriamente umana, a partire dalla negazione dell’isteria e subito della nevrosi:
non recedo dalla diagnosi di perversione della Cultura:
puerile e violenta.

____________

[1] Non sento il bisogno di renderlo noto, da anni frequenta le stampe.
Al momento mi riferisco al suo poscritto dal titolo In sintesi a: Umberto Veronesi, Pasteur, La Biblioteca di Repubblica, 2012, che sto per menzionare.

martedì 7 febbraio 2012

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.