IN DOLORE VERITAS?

Leggo su una Rivista il titolo:
“La verità del dolore che cancella censure e bugie” [1].

A questa frase riconosco il merito di avere dato forma di proposizione chiara e distinta alla menzogna più grave che io conosca, e che posso riassumere nella facile proposizione latina, di forma platonico-kierkegaardiana, “In dolore veritas”.

Questa che è la più falsa delle proposizioni che io conosca, è anche fonte di ogni censura e bugia, non lontana da “doleo ergo sum”:
tutt’altro dal cartesiano “cogito ergo sum”, che non ha mai ricevuto davvero grande importanza, perché il pensiero è a tal punto il bersaglio del nemico universale che nessun filosofo teme veramente che qualcuno fondi l’essere sul pensiero.

In tutti i campi dell’esperienza si è sempre fatto leva sul dolore per far credere a chiunque qualsiasi cosa, per sollecitarne amore, comprensione, compassione, attenzione, pietà, e in generale lo si propone come test di realtà.

In dolore veritas può ispirare un giornalismo, una letteratura, una politica, un sindacalismo, oltre che un’intera vita individuale:
c’è una politica che non è altro che il discorso della penuria, pacem in terris perché poena in terris.

___________

[1] Il venerdì di Repubbblica, 13 gennaio 2012. Intitola un articolo di Miguel Gotor sulle lettere di Moro dalla prigionia (Gotor è autore di due libri presso Einaudi su Moro, Lettere dalla prigionia, 2008, e Il memoriale della repubblica, 2011). Non posso attribuire tale titolo all’autore dell’articolo.

lunedì 30 gennaio 2012

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.