SIMPATIA

La simpatia può venire isolata allo stato puro, prima di riguardare persone:
la parola “empatia” è nata per distanziarsene, se non in opposizione.

“Simpatia” designa il legame che ho con il libro che leggo, e la sua energia di legame è quantitativamente misurabile come ogni energia, cronometricamente in questo caso, per esempio le notti semiinsonni che gli ho dedicato senza soffrire di insonnia:
è un legame di soggezione, passione, una soggezione finalmente desiderabile, passività senza obiezione, modus recipientis, amore.

Ecco il “soggetto”, chiacchiericci a parte su questa parola:
in questo soggetto l’io è a casa sua, non ha la paranoia di “cosa vuole da me?”

La mia amante prima che guardare al mio rapporto con lei, farebbe bene a guardare al mio rapporto con il libro:
la mia single a sua volta è una donna che legge, si rivedano le tre donne (Maddalena, Barbara, Deesis) che leggono nel mio Nuova alleanza: una galleria di giovedì 22 settembre.

Nella salute (così iniziava Freud) l’affetto sta bene con la rappresentazione, è nella patologia che si separa:
poi è venuta la Teoria delle emozioni in opposizione all’affetto.

Sto parlando di distinte Civiltà:
non vedo come possa uscire dalla crisi la Civiltà delle emozioni, che non comporta neppure l’antico welfare di panem et circenses, affettivo ed effettivo non emotivo.

giovedì 17 novembre 2011

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.