LA CRISI DELL’ IDIOTA

Intendo proprio quella crisi di cui si parla ovunque (si, on, man):
“si” è l’Idiota (vedi ieri), Idiota collettivo come sempre “si”, tutti e nessuno:
è ciò di cui non si accorge mai il Capo (vedi Freud Psicologia delle masse), che morirà in un bunker – in cui è sempre vissuto – con il suo criminale si senza mai io:
almeno il sepolcro di Cristo era vuoto (il migliore coup de théâtre dei Vangeli).

La crisi è di competenza a sapere (nel sapere a portata di tutti).

Nessuno sa di che cosa si parla, e allora “Crisi”, “Mistero” e tarocchi.

Converrà fare ora un passaggio, e lasciar avanzare sulla scena un Personaggio che con semplice buon senso osserva:
“Ma no!, non c’è crisi, semplicemente siamo cresciuti fino a sette miliardi e simultaneamente si è drasticamente ridotto il fabbisogno di lavoro salariato o socialmente necessario, dunque siamo alcuni miliardi di troppo”
(tra i quali stanno per annoverarsi molti del Governo appena caduto che tornano indietro con gli scatoloni).

Il Welfare sta mostrando la corda, insieme alla Psicologia e alla Microeconomia.

Ora mi vengono buoni gli argomenti cui sono stato addestrato fin da piccolo, ossia che ci sarà un Aldilà in cui risorgeremo senza bisogni e senza il bisogno sociale di lavoro:
un Dio-Sole-Oggetto ci soddisferà senza che neppure abbiamo il tempo di accorgerci che c’è soddisfazione, ossia in questo Welfare assoluto saremo morti.

Non è il mio pensiero:
penso che il lavoro non è soltanto quello socialmente necessario, che la società ha bisogno di Amici, anche per non dovere tagliare il personale di alcuni miliardi, magari tutti.

martedì 15 novembre 2011

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.