SPERANZA, E IL CAPO DI BUON IMPOSSIBILE

Ho elencato “speranza” tra le parole grossolane (Grossolanità, martedì 4 ottobre):
da questa pecca io sono esente perché non ho alcuna speranza, ma vediamo bene che cosa significa, non è ciò che il lettore ha appena pensato.

Facciamoci precedere dal buonumore motivato della battuta:
– Che cos’è un albero di pere senza le pere?
– É dis-perato!

C’è un vecchio libro celebre, Principio speranza (Prinzip Hoffnung) di Ernst Bloch, che propone un’idea che io non ho affatto, neppure quella di una vita dopo la morte:
sarà che da bambino ero un commerciale, ma non apprezzo l’idea di esigenze o domande precostituite, connaturate, anticipate:
per me l’offerta precede sempre la domanda, e deve trattarsi di buona offerta, affidabile, in caso diverso timeo Danaos et dona ferentes, insomma a caval donato si guarda sempre in bocca, non si fa lo sconto a nessuno.

Il Capo di buona speranza lo chiamerei Capo di buon impossibile:
invito a collegare il tema della speranza a quello dell’impossibile, a condizione di sottomettere questo a una torsione:
un tempo era impossibile (non ho detto proibito o inibito) passare dall’Atlantico al Pacifico e inversamente, poi il Canale di Panama è stato la realizzazione dell’impossibile, a condizione di prima pensarlo:
il pensiero non è quasi mai stato il campo fecondo dell’impossibile.

Caso particolare, la psicoanalisi è un’offerta:
lo è di una salute non desiderata, cioè non ancora passata al campo del pensiero o dell’impossibile.

PS

Su “Dio” hanno sempre fatto un mucchio di storie, sempre più arruffate quando non francamente occultiste (il “Mistero”):
se volessimo pensarlo esistente dovremmo pensarlo come pensante, l’impossibile appunto:
in paragone, l’attributo dell’onnipotenza decade al Supereroe divino, roba da comics teologici.

giovedì 6 ottobre 2011

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.