PUERILITÀ

Nel pensiero corrente rintracciamo il Padre puerile nel sovratono e nel sottotono:
1. nella condensazione dei due casi si tratta di Babbo natale, puerilità annuale dell’occidente;
2. nel Padre banalizzato all’ingiù, piccoloborghese, si tratta della “figura paterna” distinta da quella materna della Psicologia (che figura!), che già ironizzavo come “Onesto lavoratore, buon padre di famiglia”;
3. nel Padre banalizzato all’insu, si tratta di quello che Freud individuava come primo gradino per il Dio della religione [1], grande-grande-grande-grande …, buono-buono-buono-buono …, potente-potente-potente-potente …, misericordioso-misericordioso-misericordioso-misericordioso …, amoroso-amoroso-amoroso-amoroso- … eccetera (il solito kitsch di attributi da mercatino spirituale):
penserà poi La Madre a svillaneggiarlo, e impensierito da ciò un Papa ha sentito di dovere dichiarare che “Dio è anche un po’ mamma” (cose da papicidio!)

Il top della banalizzazione all’insu è venuto dalla modernità “credente”, ed ecco il Dio infinito (infinito numerico applicato agli attributi), la robaccia spirituale di Pascal e già di Suarez:
in cui Dio e il verme hanno in comune l’essere “Enti”, e differiscono solo come infinito e finito.

Per uccidere il Padre non occorre far colare il sangue (evenienza rarissima):
bastano i tre casi appena riassunti.

In tanto parricidio resta qualcosa?

io ho trovato di sì, con l’aiuto del diritto romano:
resta il significato di fonte dell’eredità ossia di possesso legittimo:
della tradizionalissima parola “Padre” resta il concetto di pensiero di incremento legittimo dei beni.

Fin dal primo giorno − anzi biblicamente parlando dal secondo − si pone la questione se esista possesso legittimo:
c’è chi ne ha dubitato (Proudhon, “la proprietà è un furto”).

C’è anche chi ci ha ripensato, per esempio S. Francesco la cui “povertà” non significava virtuoso apprezzamento per le toppe nel sedere:
a Versailles si sarebbe trovato benissimo ospite di Luigi XIV, senza forzieri né soldi nel materasso né posto fisso, insomma un precario per vocazione che sa offrire i suoi servigi senza servitù volontaria.

Uno psicoanalista, se ci fosse, ne sarebbe un caso particolare.

Si tratterà di tutto questo nel Corso annuale Il regime dell’appuntamento.

______________

[1] “Tutto consiste nella relazione figlio-padre, Dio è il padre innalzato”, Lavvenire di unillusione, cap. 4.

mercoledì 5 ottobre 2011

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.