OMAGGIO A STEVE JOBS

Steve Jobs non era un genio:
era un bambino:
quello, come dico sempre, che a due anni di vita ha superato Mozart due volte:
1° ha appreso in metà tempo la musica del linguaggio,
2° si è fabbricato da sé il clavicembalo della fonazione.

Lui ha continuato.

Chissà come, si è salvato dalla cattiva modestia, da quell’umiliazione che chiamiamo “educazione”.

Ha cominciato presto a operare.

Se ripartiamo da questo reale e realistico bambino, dobbiamo inferire che la civiltà è puro spreco:
l’umiliazione precede la schiavitù.

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.