“NON UCCIDERE”

[Un frammento della mia Prolusione di sabato 22 ottobre al Corso Il regime dellappuntamento. Quid ius?]

“Non uccidere”, perché?:
è una domanda stupida, pur avendo il pensiero dell’uccidere (sarebbe pericoloso non averlo):
non uccido così come non do fuoco ai miei soldi, ai miei libri, alla mia automobile, alla mia casa.

Non è vero che non uccido per evitare la prigione, e nemmeno per obbedire a Dio (5° Comandamento), né per inibizione (è stupida l’idea di “freni inibitori”):
non uccido perché se lo facessi diminuirei l’ambito universale dell’appuntamento, e di conseguenza produrrei un danno anche mio:
c’è legge morale se è economica.

Un danno a partire da un danno al mio pensiero come modo di produzione di profitto: so bene che già i Greci non pensavano così il pensiero:
non avevano un pensiero morale, come pure Kant più tardi.

I Comandamenti sono solo dei memo del pensiero sano ridotti al minimo, non dei comandi né delle proibizioni.

Ho avuto dei nemici, e cattivi anche: se viventi mi tengono compagnia:
è vero che mi sono stati ostili, ma almeno non in nome dell’amore che occulta l’ostilità.

Questo amore produce melanconia:
la vendetta (non la sanzione) conferma la melanconia da cui muove (vedi Cera una volta il West).

Il perdono – giudizio senza vendetta e senza esecuzione della sanzione penale – in fondo è buon senso, non oblatività.

PS

La “casa” dell’io è il pensiero, e l’estensione del pensiero è in-finita – certo non l’infinito matematico –, e questa infinità è concettualmente l’universo umano in quanto non limitato da una censura.

martedì 25 ottobre 2011

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.