“NON UCCIDERE”

[Un frammento della mia Prolusione di sabato 22 ottobre al Corso Il regime dellappuntamento. Quid ius?]

“Non uccidere”, perché?:
è una domanda stupida, pur avendo il pensiero dell’uccidere (sarebbe pericoloso non averlo):
non uccido così come non do fuoco ai miei soldi, ai miei libri, alla mia automobile, alla mia casa.

Non è vero che non uccido per evitare la prigione, e nemmeno per obbedire a Dio (5° Comandamento), né per inibizione (è stupida l’idea di “freni inibitori”):
non uccido perché se lo facessi diminuirei l’ambito universale dell’appuntamento, e di conseguenza produrrei un danno anche mio:
c’è legge morale se è economica.

Un danno a partire da un danno al mio pensiero come modo di produzione di profitto: so bene che già i Greci non pensavano così il pensiero:
non avevano un pensiero morale, come pure Kant più tardi.

I Comandamenti sono solo dei memo del pensiero sano ridotti al minimo, non dei comandi né delle proibizioni.

Ho avuto dei nemici, e cattivi anche: se viventi mi tengono compagnia:
è vero che mi sono stati ostili, ma almeno non in nome dell’amore che occulta l’ostilità.

Questo amore produce melanconia:
la vendetta (non la sanzione) conferma la melanconia da cui muove (vedi Cera una volta il West).

Il perdono – giudizio senza vendetta e senza esecuzione della sanzione penale – in fondo è buon senso, non oblatività.

PS

La “casa” dell’io è il pensiero, e l’estensione del pensiero è in-finita – certo non l’infinito matematico –, e questa infinità è concettualmente l’universo umano in quanto non limitato da una censura.

martedì 25 ottobre 2011

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.