“MASCHIO” E “FEMMINA”: OVVERO LO SCISMA (“OSSESSIONE”)

La volgarità del meccanico di una volta, “maschio” e “femmina” del bullone, aveva la genialità dell’idiota, che dice benissimo la verità:
la verità di un errore, e un errore patologico, la verità dei sessi quando presentati nella loro deformazione patologica:
Erasmo ha scritto l’Elogio della follia, io scrivo l’elogio dell’idiozia.

La deformazione è che i sessi sono presentati come due versanti, due metà campo che si fanno la guerra magari sportiva, o che sono in pace solo nell’indifferenza:
la principale aspirazione sessuale non è quella che crediamo per fideismo, è quella a disfarsi della differenza sessuale (la “pace dei sensi”):
in fondo i credenti maledicono “Dio” per averli fatti maschio e femmina.

Ma perché questi dannati sessi sono tanto importanti?, il che poi significa ossessionanti:
si è obbedito all’imperativo di dare sistemazione a ciò che non ne richiede alcuna, trattandosi di nient’altro che di differenza, che come tale non ha pretese proprie:
all’imperativo è bastata una matita per demarcare il campo in due metà, come è successo più volte in geografia politica:
diciamo che c’è stata una Yalta dei sessi (le “due metà del cielo”, “la mia metà”):
ciò che era supplemento (privo di necessità) è stato fatto complemento (necessità).

C’è appuntamento  (affari in ogni senso) quando il campo è uno solo, non quando è diviso:
siamo stati fatti scismatici (i sessi finiscono per rappresentare uno scisma sistematico).

Il mio single (il mio “eremita”), indifferente all’essere sessualmente differente
− Narciso non pensa che a questo e non ascolta altro che la propria Eco, per questo affonda nelle sue deiezioni −,
è supplementare in ogni affare, gratis senza dono né avarizia (la nevrosi ossessiva è avara proprio nel suo essere donativa):
contingentemente può aggiungere supplemento al supplemento (l’unico caso di soddisfazione sessuale).

Pensabilissimo nella sua differenza, il sesso dello scisma rappresenta un punto di non-pensiero:
Mistero come non-pensiero, istinto come non-pensiero, Mistero e istinto fanno coppia:
infatti al Mistero si collega un senso di fascino cioè un istinto che porta verso l’alto, nell’ignoranza come tutti gli istinti.

Si può dedurre che qualcosa o qualcuno vuole l’uomo idiota (il “significante” lacaniano):
è la mia definizione di “Diavolo”, un idiota che ha la sola soluzione di volere tutti idioti.

mercoledì 28 settembre 2011

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.