PUREZZA E SALUTE

Sabato domenica 2-3 luglio 2011
in anno 155 post Freud amicum natum

 

Domanda retorica:
quanti millenni ci vogliono perché gli orecchi odano e gli occhi vedano? (in questo caso gli occhi leggenti), vedi e odi Salmo:
abbiamo la prova che ce ne vogliono almeno duemila, e non è finita.

Infatti il banco di prova di ciò che dico è attestato:
è nel Vangelo di Matteo che è dichiarata la rifondazione della morale:
“Non ciò che entra nella bocca contamina l’uomo, ma ciò che ne esce” (Mt 15, 11):
la portata metafisica di questa frase è non minore di quell’altra, “l’albero si giudica dai frutti”.

Non occorre avere fatto il PhD per sapere che dalla bocca dell’uomo escono frasi:
anche singole parole sono frasi, e le frasi sono azioni, muscolari come le altre azioni data l’implicazione della varia muscolatura interessata nella fonazione
(sul pensiero come azione rinvio).

Dunque, duemila anni sprecati a non udire né vedere questa frase, e nel vincolare la purezza a una patetica quando non sordida morale sessuale, che a lungo andare ha preparato il posto alla criminale morale kantiana:
infatti per questa è puro tutto ciò che risulta dalle condizioni di non passione e non interesse, e da nessuna altra condizione, tutto puro compreso un Olocausto:
con il che Eichmann è morto sbalordito che lo impiccassero per ciò che aveva fatto, essendosi dichiarato kantiano (e in questo aveva ragione, Ragion pratica).

C’è voluto Freud più di 1800 anni dopo (non perché abbia commentato Mt 15) per reintrodurre il principio della morale nella frase:
e per vincolarne la purezza alla salute-guarigione del pensiero (“psichica”), il che non era evidente in Mt 15.

Dalla morale di Freud risultano imputate omissione e sistematizzazione:
risulta un Ordine che è la rivoluzione del Sistema.

Nemmeno Freud è servito a gran che.

Ma non mi preoccupo − assumo imputabilità non responsabilità −, chi si preoccupa fa peggio del buco.

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.