SACRO-COMICO GRAAL

Ripassiamo per quel nodo sempre attuale, e che non è mai snodo cioè luogo di passaggio e soluzione, che è quel “sacro” che all’inizio del secondo millennio è stato riconfezionato nel mito puerile, tragi-comico e occultista del “Graal”.

Tutti dovrebbero sapere che “sacro” designa un’area circoscritta da un perimetro chiuso che non si può-deve trans-gredire, almeno virtualmente chiuso:
questa virtualità è subito stata equivocata come virtuosità, e siamo sempre e ancora qui.

Al Corso di sabato u.s. della Società Amici del Pensiero-Studium Cartello, dedicato a Quel maiale di Parsifal, è stato documentato che “La Madre” è un tale sacro-chiuso, che poi Parsifal su comando della Madre proietterà su Biancofiore “fregandola”, il che ne fa un vero maiale:
peggiorando il fatto che era già stato Adamo a “fregare” Eva, non viceversa.

Discuteremo un’altra volta se il sacro della Madre sia il significato di ogni sacro della storia, se il sacro si riduca ai dintorni dell’osso sacro:
penso che l’impertinenza di questa satira sia dovuta.

In fondo è una satira benevola, contrariamente al sadismo di ciò che essa satirizza:
quel maiale di Parsifal, come è noto, non accederà mai al Graal, o al sacro:
esso è ciò che Natalia Aspesi, commentando spiritosamente Il codice da Vinci di Dan Brown, rivelava essere “quella cosa delle signore”.

In passato ho fatto osservare che “sacro-santo” è un ossimoro.

É appena stata riferita da un analista la frase di un paziente riluttante a parlare della madre perché ciò gli sapeva di “profanazione”:
parola ben scelta perché il fanum è il Tempio:
è lo stesso etimo di “fanatismo”, al quale mi dedicherò presto
(come pure a mostrare che Parsifal è l’antefatto di Gilles da Rais, “Barbablu”).

lunedì 13 giugno 2011

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.