L’ IDEA “ZITELLA”

É un buon esempio, popolarmente intelligibile, di Idea patogena come le Idee platoniche, virus della mente del grande hacker Platone.

“Zitella” è una parola che odiavo già nella mia infanzia, ma solo più tardi ho compreso perché:
significava una pura Idea prima della realtà, quella di donna trentenne né sposata né monaca, e neppure prostituta o comunque donna perduta, dunque “né carne né pesce”, insipida ma pronta a virare all’acidità.

Poi e solo poi inizia l’incarnazione reale, ma quella dell’Idea “Zitella”:
in altri termini, molte donne la hanno incarnata, ahiloro e ahinoi:
l’incarnazione riusciva, donde donne ideali e letali.

Ma queste Idee-virus, dove vanno a installarsi?:
ma certo, nel neurone!, nel neurone perché è ingenuo, ancora disponibile a farsi bere il … cervello!:
cioè a perdere la testa della distinzione tra A e non-A, tra piacere e dispiacere, cioè a perdere il principio di non contraddizione, principio del pensiero.

Prima o poi gli Ideologi delle neuroscienze (ma non le neuroscienze effettive) troveranno il neurone del principio di non contraddizione, geneticamente determinato, bravi!:
del resto è da qui che hanno iniziato.

mercoledì 29 giugno 2011

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.