PORNOGRAFIA IN EXCELSIS. LA “CANDIDA ROSA”

[Non è escluso che nella giornata di domani questo sito possa essere non visibile per motivi tecnici]

Primum legere, deinde philosophari, in questo caso:
(Dante, La divina commedia, Paradiso, XXXI, 1-12):

In forma dunque di candida rosa
mi si mostrava la milizia santa
che nel suo sangue Cristo fece sposa;

ma l’altra, che volando vede e canta
la gloria di colui che la ’nnamora
e la bontà che la fece cotanta,

sì come schiera d’ape che s’infiora
una fiata e una si ritorna
là dove suo laboro s’insapora,

nel gran fior discendeva che s’addorna
di tante foglie, e quindi risaliva
là dove ’l suo amor sempre soggiorna.

Neppure Vittorio Sermonti, sagacissimo esegeta di Dante, si è spinto fino alla mia esplicitezza sulla pornografia di questi:
penso che Dante non abbia mai riso tanto, tenuto conto che era troppo bravo nella sua arte e nella lingua che andava inventando, e anche nella sua miscredenza da coltissimo Bertoldo, per non sapere quello che faceva:
insomma è stato un buon … diavolo come quello logico (“tu non pensavi ch’io loico fossi”, Inf. XXVII, 123).

Chiunque abbia visto uno sciame di api sa che esso disegna una figura solida e allungata:
non sto dando una interpretazione “psicoanalitica” (le solite fisse degli psicoanalisti visionari di falli in ogni ombrello o uccello), mi è bastato lavorare di carta e matita e sottolineare metafore erotico-pornografiche usuali:
il fiore, il moto di va-e-vieni, che è moto di volo e di penetrazione dall’alto al basso, e ritorno verso una fonte alta di metaforico miele, e c’è perfino la distinzione tra piccole (fiore-petali) e grandi (foglie, che Dante non poteva confondere con i petali) labbra.

In questa pornoscrittura va anche osservata la continua anzi eterna ripetizione coatta dell’atto dello sciame, godimento forzato come lo è il lavoro in un bagno penale senza neppure pause-sonno:
è da J. Lacan che ho ricavato il concetto di Superio come il regime dei godimenti forzati.

Siamo sempre all’ossessione medioevale (non romana), e rimasta moderna, sul godimento, e all’orgasmo come il suo modello anche in “Dio”:
curioso che nessuno abbia rimproverato Dante come blasfemo per questa fantasia di eterna ammucchiata mistica, godimento dell’idiota:
escludo che nessuno se ne sia accorto, ma la rimozione è potente se culturalmente sostenuta per di più in modo bipartisan.

Ma in fondo la Divina è una goliardica mappa enciclopedica, sorta di Carmina Burana [1], di come le cose non stavano né stanno affatto bene:
in questo articolo mi sono occupato del capitolo “godimento” quando è coatto, che Dante ripartisce tra Inferno, Purgatorio e Paradiso (vedi il mio articolo di ieri):
può servire da portolano perplesso.

PS

So di scandalizzare tanti, ma d’altra parte dovrebbero finirla con l’errore di prendere Dante per un Catechista.

____________

[1] Secolo XIII. I loro testi poetici sono di Autori di vaglio.

giovedì 26 maggio 2011

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.