MAMMA, MONSTRUM HORRENDUM

Sabato domenica 28-29 maggio 2011
in anno 155 post Freud amicum natum

 

Il nostro intelletto non è quasi mai all’altezza di riconoscere che ci sono volgarità letterarie come la canzone Mamma di C. A. Bixio e B. Cherubini 1940, cantata da Beniamino Gigli Claudio Villa Luciano Tajoli Nunzio Gallo Luciano Pavarotti, il cui potere sugli intelletti è superiore a quello dell’opera di Omero e Shakespeare.

Ecco alcune chicche volgari quanto la parola “chicca”: “Mamma, son tanto felice/perché ritorno da te.”

“Mamma, solo per te la mia canzone vola”.

“Sei tu la vita/e per la vita non ti lascio mai più!”,
eccetera (brrr!),
e poi “la voce” o allucinazione uditiva, “la ninna nanna d’allor” o delirio, “i miei ricciolo d’or” o l’oggetto naturalmente “bello” come ogni “scarrafòne”.

L’Oggetto “Mamma” ha occupato il territorio del nostro pensiero come una Potenza occupante anche il pensiero delle donne con figli:
lo ha fatto come il “Monstrum horrendum, informe, ingens, cui lumen ademptum” di Virgilio in Eneide III, 658 designante Polifemo.

Orrendo appunto perché:
informe o senza forma per tutti, ingens o fuori misura, cui lumen ademptum o privo di luce cioè di intelletto o forma propria, dunque radicale e diffuso idiota idiotizzante.

Prima di chiedersi come ha fatto, questo monstrum impersonale, a occupare, si tratta di costatare che ha occupato.

Ho già osservato che nella letteratura solo Medea (conosco solo poche altre eccezioni) è stata all’altezza intellettuale di rifiutarsi alla propria riduzione, o almeno contaminazione, come Mamma.

Trattengo le molte altre annotazioni che ho appena raccolto.

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.