MAMMA E BERLUSCONI. E IL PARTITO DI MÖBIUS

Risultato elettorale vistoso, che auspicavo con tanti altri.

Di Berlusconi c’è voluto un po’ di anni per disfarsi, disfarsi di Mamma è una faccenda che ricopre i millenni (vedi ieri e l’altro ieri):
non sono disfattista sulla possibilità di disfarsene, sto alludendo all’altra faccia della politica, scissa tra cosa pubblica o esteriore, e “Mamma” come rappresentante sì universale della cosa di tutti, ma non pubblica bensì interiore:
la cosa scissa è l’uomo vecchio (1. 2. 3. 4.), che resta duro come il ferro e bipartisan in destra e sinistra.

Se volessi buttarmi in politica dovrei fondare il Partito di Möbius (ma nel mio “piccolo” lo sto già facendo) che, almeno nell’adozione della striscia di Möbius, è l’atto politico di J. Lacan:
la striscia di Möbius non è niente di difficile, ritagliate una striscia di carta e collegate i due lati opposti, otterrete un cilindro, con un esterno o esteriore e un interno o interiore:
però anche, prima di collegarli ruotate di 180 gradi uno dei due opposti, e poi fate il collegamento con l’altro, otterrete una rivoluzione dello spazio senza più dentro né fuori (già Escher).

martedì 31 maggio 2011

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.