FISTÙN DE VERSA …

Sabato domenica 21-22 maggio 2011
in anno 155 post Freud amicum natum

 

Fatto 30 facciamo (10)31:
proseguo con l’impertinenza pertinente, come nel recente “Porco D..!” o la bestemmia di Platone di martedì 17 maggio.

L’espressione milanese completa è “Fistùn de versa piantà in del mes del pràa”:
per chi non lo sapesse, il fistùn de verza è l’inutile radice del cavolo che resta infissa nel campo dopo che il cavolo è stato raccolto:
denota la fissazione a … nulla, benché il campo resti reale e indifferente all’indifferenza del fistùn.

E’ l’idea con cui Dante rappresenta la Trinità, in cui i fistùn sono tre, piantati nell’infinito … nulla.

Non penso che i Tre ne siano lusingati:
ma neppure penso che lo manderanno all’inferno, per la ragione che ho colto assai lentamente:
ossia che Dante è un moderno precoce, e che la Commedia con le sue grossolane carnascialesche eresie è anche una satira dell’Aldilà.

Di questa satira non ho ancora presentato il pezzo migliore, la “candida rosa”.

Fra i precedenti 30 segnalo i recenti:

SpA coniugale, venerdì 20 maggio
Porco D..ovvero la bestemmia di Platone, martedì 17 maggio
Habemus Papam e infallibilità, venerdì 13 maggio
John Doe, martedì 10 maggio
Il carrozzone, sabato-domenica 7-8 maggio

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.