“TU SEI … ” (INTELLIGENTE), OVVERO IL SEQUESTRO DI PERSONA

L’“ontologia”, finché riguarda gli enti della natura o gli enti matematici, passi, ma quando riguarda noi è la nostra condanna:
essa ha la forma “Tu sei …”, segue predicato o sequestro.

Considero ora il predicato “intelligente”, di cui descrivo gli effetti funesti.

Ricordo bene casi di compagni di liceo, i cui genitori predicavano il figlio, il loro caro figliolo, come “intelligente”:
giunti all’Università, alcuni che ci erano cascati, sequestrati, non hanno più combinato niente a partire dal non studiare (essendo “intelligenti” il successo doveva derivarne senza lavoro), e poco dopo sono andati a rotoli.

Quante volte, avendo tratto delle conclusioni per mezzo del mio lavoro, sono stato ingiuriato come “intelligente”!:
osservo che è un’ingiuria perversa per sconfessione del mio operato o lavoro e annullamento delle mie conclusioni.

Narciso, questo deficiente (“dementia”) nelle sue deiezioni è convinto della sua intelligenza, e non lavora, anzitutto con il pensiero.

“Tu sei!” (onnipotente e onnisciente) Poverodio!

Lacan quando voleva liquidare qualcuno gli diceva “Quanto sei intelligente!”

Potrei tessere considerazioni analoghe su fanciulle predicate “belle”.

mercoledì 13 aprile 2011

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.