SEQUESTRO E DIRITTO

Il significato di “Diritto” continua a restare incompreso, non per oscurità scolastica bensì oscurantista (credevamo di avere superato l’oscurantismo!)

Il Diritto è quell’Ordine in cui non c’è sequestro di persona, o anche quello in cui non ci si dà del “tu”, neppure in latino in cui c’è solo questo pronome.

Nel “tu” si ama e non si fa altro, si ama nel senso dell’amo, che pesca a gancio, sequestra, stabilisce un contatto vincolante fino alla fissazione.

Il contatto, sempre sensibile, non è solo tattile − parliamo di mettere le mani addosso −, ma anche visivo – parliamo di mettere gli occhi addosso −, e anche uditivo − parliamo di mettere le parole addosso, ossia la principale delle manipolazioni.

Nel Diritto siamo in (almeno) tre: l’uno, l’altro, un Ordinamento valido per ambedue:
il rapporto, se è, non è educativo né oblativo, anzitutto con i bambini.

Mai dare del “tu” ai bambini, anche quando more latino usa così:
e neppure all’amante, perfino facendo l’amore, infatti l’amore andrebbe fatto in latino.

Del resto è noto che i Romani lo facevano molto meglio di noi, così come avevano le terme:
caduto l’Impero, abbiamo passato quindici secoli sudici fisicamente e moralmente cioè la perversione, fino all’amore cortese o feticismo e alla pedofilia:
le “nozze mistiche” ne sono state la condensazione.

Nell’innamoramento, come nell’amore presupposto materno, c’è sequestro.

C’è un’ontologia del sequestro nella proposizione “Tu sei …” seguito da un predicato:
nel Diritto non c’è predicato ma solo la designazione di un atto nella sua imputabilità, che ci si augura pregevole non penale.

La psicoanalisi è rapporto (giuridico) senza contatto:
un rapporto non tattile, visivo appena di sfuggita, e quanto al prevalere dell’udito non c’è a-tu-per-tu o simmetria bensì uguaglianza nell’asimmetria.

La psicoanalisi riscatta sequestrati, spesso collaborazionisti dello stato di sequestro.

I matrimoni non riescono quasi mai perché quasi sempre i due confondono il legame o coniugio con il contatto, e contattano-infettano i figli.

Il vero problema umano non è la schiavitù ma il sequestro:
la Modernità se n’è accorta a malapena, non ha risolto l’oscurantismo.

mercoledì 6 aprile 2011

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.