GAMBE, PERVERSIONE, SANZIONE

Continua l’articolo di ieri.

L’io-corpo (Körperich) può, sotto la pressione di una minaccia (angoscia), negare il pensiero come le gambe delle gambe:
solo poi rinnegherà anche le gambe reali, o altri organi per esempio sessuali, senza per questo negare la percezione di alcun organo.

Ecco perché il feticista potrebbe benissimo fare il ginecologo, e per tutto il resto fare come-se la differenza non esistesse, ma difendendosi realisticamente dall’accusa di negare nel rinnegare:
ecco perché il cavaliere dell’amore cortese poteva giacere nudo con la dama nuda sullo stesso letto diviso in due dalla spada, eventualmente dopo una corretta visita ginecologica di Biancofiore da parte di un Dottor Parsifal ginecologo:
attenzione però ai lapsus dei ginecologi:
come pure al fatto che lo psicoanalista non è ginecologo, né andrologo, né sessuologo.

Non mi va, a costo di sanzione, che la mia esistenza venga rinnegata benché non negata con colpo alla nuca.

Non mi va neppure che venga dimostrata, il che è pressappoco lo stesso:
trovo che “Dio” nella sua infinita misericordia è sempre stato molto tollerante nei confronti di coloro che hanno cercato di dimostrarlo.

O anche di cercarlo, povero deus absconditus cioè rinnegato (Pascal):
se cercato diventa un ricercato con avvisi di taglia, dead or alive, presso tutti gli sceriffi della Contea, morto o vivo a Yuma.

lunedì 21 marzo 2011

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.