SOVRANITÀ O L’UNICO LAVORO DI CIVILTÀ

Resta un unico lavoro di civiltà o Kulturarbeit (Freud), o anche lavoro politico:
esso è la promozione dell’unica sovranità pensabile, anche retroattivamente, quella del pensiero che non abdica, o dell’individuo come san(t)a sede del diritto.

L’analisi ne sarebbe un caso, ma figuriamoci! bravi ragazzi come siamo.

Ho appena ridetto di Freud come rarissimo sovrano novecentesco (vedi Sovranità dozzinalità permesso, lunedì 14 febbraio).

Nella distanza cronologica c’era già stato Gesù, che come pensatore sovrano si è completamente infischiato di essere “Dio”:
più coltamente si dice “kénosis” o “exinanizione” o “svuotamento”:
poi se ne è fatto un idiota (Dostoevskij se n’è accorto), neanche più tanto utile (un “volto”, cose da manicomio!)

Riprenderò lunedì 21 febbraio.

mercoledì 16 febbraio 2011

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.