LA MULTINAZIONALE DELLE IDEE, E IL BAMBINO

Ieri ho stilato la lista della Multinazionale delle Idee platoniche, allungando quella di Platone quanto egli neppure pensava:
Anima, Donna, Fallo, Amore, Madre, oltre a Bene Bello Vero.

La tarda modernità si è poi aggiornata con l’aggiunta dell’Idea “Bambino” (l’idealizzante di turno è stato Ivan Karamazov):
né da tanto kitsch visionario − vale per tutto il repertorio ideale platonico la canzone Mamma! − è stato risparmiato Gesù bambino, quello che platonicamente “scende dalle stelle”, anima di un Dio minore-minorato-autistico:
quanti Gesùbambini dell’arte sacra sembrano degli autistici!, o semplicemente degli idioti (ancora Dostoevskij).

Tutte le Idee hanno in comune di essere le pietre tombali del Cimitero celeste o, come è stato detto, “sepolcri imbiancati”.

É per comune senso del pudore che appena menziono l’Idea “Bambino” come l’oggetto che manca alla “Madre”, oggetto a, “scarrafòne”.

A volte la volgarità torna utile:
l’Idea si dice anche “patacca” (moneta di poco valore, macchia, il genitale femminile deprezzato).

Il mio spirito si eleva devotamente alle Alte Sfere di John Doe:
Trattato teo-filosofico che ha opportunamente scelto il genere comics per mostrare “Dio” sottomesso e umiliato, Poverodio!, dalla Multinazionale delle suddette Sfere (bravissimo Recchioni).

É sempre notevole il sarcasmo teologale platonico, “Mistero buffo” prima di Dario Fo ma per nulla comico, Cielo infernale.

giovedì 24 febbraio 2011

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.