IL PECCATO OSCENO DI DOZZINALITÀ

Non ho gran che da aggiungere all’articolo di ieri, lo confermo semplicemente.

Non sono molto interessato alla caduta di questo Governo, ma a ciò che ne sarà della dozzinalità dopo.

“Peccato”?, sì ma bisogna individuarne di volta in volta la fattispecie:
nel nostro caso nazionale esso è la dozzinalità stessa nella sua astrattezza di massa, non le dozzine di “ragazze”, non meno astratte come sempre nel sesso commerciale (e nella pornografia):
un sesso in cui, lo ripeto, le “ragazze” c’entrano poco, è il cliente che ce lo mette bilateralmente insieme ai soldi (anche la f..a è un suo fantasma).

Anche “Le Donne” è solo un insieme più numeroso di dozzine, che cosa cambia?:
il passaggio a una verginalità laica anziché cattolica?, magari con il rincalzo di qualche suora:
ma pensa un po’ dove va a finire la secolarizzazione!

Che cosa sia “verginità” ho già detto − non obiezione di principio all’amante −, ma lo aveva già detto molto tempo prima un mio caro amico, anche peggiore di me nella sboccatezza:
“Parabola delle vergini”, da rotolarsi!

martedì 15 febbraio 2011

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.