DOGMATISMO DELLA MODERNITÀ

Il pensiero moderno ha criticato il dogmatismo e ha fatto bene:
ciò non toglie che per puro gusto dei concetti vorrei mettere i puntini sulle “i” quanto a dogma, inoltre spezzerei una lancia a favore della “dogmatica giuridica” di cui non si parla quasi più.

Ma la Modernità non lo è stata, è rimasta impotente e ignara sui dogmi più potenti (tali solo nel rendere impotenti) dell’umanità:
i dogmi che l’uomo sarebbe un po’ animale, che nell’uomo ci sarebbero istinti in particolare sessuali (il dogma della sessual-ità), che andare-a-donne sarebbe lussuria anziché agire coatto, che l’innamoramento sarebbe amore, che la madre ama perché è ontologicamente Madre, che la moralità è disinteresse, che esiste “La Donna” (passi l’esistenza di “Dio”), e la continuazione della serie potrebbe sorprendere.

La lista fattane in questo Blog è illimitata, aggiungo solo il dogma dell’“inconscio” come il basso che emerge o l’alto che si rivela, due sotto-dogmi che rivelano la coincidenza di cielo e fogna:
e non me la sto prendendo con l’antica e antiquata metafora biblica, ormai antiquariato spirituale (non dico chincaglieria).

E non rinuncio a richiamare ciò che ho appena scritto del deodorante come generativo di classi sociali e povertà.

Di tutti questi dogmi, basterebbe abolirne uno per abolirli tutti (conclusione già di Freud):
per questo resta tutto come prima, ossia non c’è guarigione.

Ho scritto ieri che le idee – intendo orientative di moralità, giudizio anche politico, conoscenza, economia – sono due o tre, ma non ricomincio col fare Ordine:
che ho già chiamato Ordinamento giuridico del linguaggio, o Ordine dell’appuntamento, ma non ricomincio.

So di lavorare per una Modernità, finora lenta come la tartaruga, vile come lo struzzo, pro-regressiva come il gambero.

La prima di tali idee resta quella di corpi che esistono cioè si muovono grazie a una legge di moto artificiale, positiva cioè posta, che è quella che giustifica la parola “umani”:
Freud la chiamava, ma ormai all’antica, “pulsione”.

Tutto è stato fatto, e non cessa di esserlo, per negare nell’animale politico l’uomo in quanto immediatamente politico:
un corpo la cui legge, anche nelle sue versioni peggiori, è legge del suo rapporto con l’universo dei corpi (come peraltro accade per ogni onesto sasso).

Questo uomo è come Giobbe, una persona seria che per parlare con qualcuno alla sua altezza parlava direttamente con “Dio”.

venerdi 4 febbraio 2011

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.