LA PACE DEI SENSI

Cosa non si farebbe per la pace dei sensi!, per esempio l’odierno collettivo raptus eroto-mane, maniacale molto e erotico poco, perché non basta la ragazza a fare eros, e neppure il ragazzo.

Lunedì sera a lInfedele (puntata storica) ho udito Signore, virtuose o diversamente virtuose, diversamente imbarazzate o goffe quanto al sapere che farsene della differenza sessuale (essere bennate non serve a saperlo ma solo a celare meglio l’ignoranza).

Il merito delle p…te o m…tte è quello di avere una risposta (nel valore di scambio o equivalente), che non è un gran che ma è una risposta, che ha una vastissima e insospettata rappresentazione sociale con più varianti quanto all’equivalente.

In generale, Signore virtuose o diversamente virtuose, e i Signori oggi alla sbarra non meno imbarazzati e goffi,  non aspirano ad altro che a … far“la” fuori:
non la celebre “la” bensì la differenza:
variano solo i modi, tra i quali quelli di Signori indagati per che cosa?, per il loro modo di farla fuori non necessariamente di rilievo penale.

Gilles de Rais o “Barbablu”, oggi tornato in un altro … modo (senza brutalità, magari con tanta filìa), ha rappresentato uno dei modi:
il modo feticista-pedofilo è il più prossimo all’estinzione (dei sessi) o soluzione finale, finalmente!

In generale, assistiamo a una riedizione di un’antichissima accusa al Creatore:
cosa gli è venuto in mente di creare la differenza sessuale (non le “due metà del cielo”) che ci priva della pace dei sensi?:
che cosa gli è preso, non poteva lasciarci in … pace?

La pace dei sensi quando non è meta come pace dei corpi è mortale.

C’è qualcosa di mortifero – peggio che terroristico -, in tutto questo di fronte a cui nulla possono i criteri morali tradizionali, religiosi o laici, né quelli politico-istituzionali moderni:
parlo dell’ormai vecchio mondo, quello affrettatamente chiamato “moderno”.

L’“uomo vecchio” non muore mai, resiste senza Opposizione facendo morire:
all’irriducibile uomo vecchio serve un bivio, non una riforma dei costumi.

Serve una riforma economica inclusiva dei costumi, con sovranità individuale:
in particolare serve un’economia non prostitutiva della differenza dei sessi, ma economia.

mercoledì 26 gennaio 2011

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.