LASCIA CHE …

− Lasciate che vada!
dico, a un punto della serata, agli Amici che mi hanno avuto ospite:
loro sanno di non dovermi dare quel permesso che in verità non ho davvero chiesto, sapendo in anticipo di avere il loro consenso al prendermelo senza il dovere di domandarlo.

Inizia bene la civiltà per un bambino che apre un cassetto con denaro di casa e, nell’atto di prenderlo, dice:
− Posso prenderlo?:
idem come sopra (ciò abolisce l’indebita ridicola “paghetta”).

Naturalmente, un simile interlocutore deve essere un vero Signore, biblicamente “il Signore”, come nella preghiera di Simeone “Lascia che parta il tuo servo Signore” (vedi il finale di J. Lacan e l’afféde, 4-5 dicembre).

A uno così mi rivolgo come fa un Veneziano, “(S)ciao”, pronto a ogni servizio o, come scrivevo anni fa, senza obiezioni di principio, senza essere sc(h)ia(v)o.

Ecce ancilla domini è semplicemente una formula dell’amore, ma certo ci vuole un Signore:
in ciò mi ha segnato a vita la mia precoce lettura della Bibbia, con Signore senza “Dio”.

Il proprio di un Signore degno di questo nome è che non si lascia dimostrare né trovare, si fa vivo lui come quod principi placuit.

A un vero Signore non può piacere venire chiamato “Dio”, eccetto che in una goliardìa colta, Carmina burana.

La mia Amica può volere la mia pelle in ogni senso, il che ne esclude uno.

martedì 7 dicembre 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.