J. LACAN: INDICAZIONI PER LA MAPPA

Ripropongo l’articolo di ieri, La solitudine di Freud e di J. Lacan, o un atto a venire, in cui ho ricapitolato un secolo indicandone uno sbocco.

Di questo, ho rintracciato in J. Lacan “indicazioni”, parola che pongo tra virgolette per averla lui stesso indicata.

Altro non aggiungo ora delle numerose righe scritte al seguito − che illustrano anche perché riparlo di mappa −, se non un’osservazione che esse contengono:
che c’è mappa anche di un campo di battaglia con tutto il suo sangue, che è una mappa flagrante dell’inibizione.

Infatti non vi si combina nient’altro, cioè non c’è potere nella violenza:
ma si fa la guerra perché già prima non si combinava.

venerdì 3 dicembre 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.