FAITHNAPPING E “BELLA CIAO”

Faithnapping come kidnapping, sequestro o rapimento (anzitutto di bambino), ossia un delitto.

É ciò di cui ho parlato ieri, l’afféde o “La Fede” come faithnapping.

Non mi ero ancora accorto del verbo to nap, un verbo tanto gentile, carino, mite, che significa fare un sonnellino, un pisolino, una pennichella, come quella del padre di Amleto quando viene assassinato (forse aveva appena fatto l’amore).

In inglese si dice anche to catch napping, prendere alla sprovvista, a tradimento, si dice carpire la buona fede, faithnapping (neologismo mio), e siamo perduti!

É andata così per tutti mentre eravamo napping, ingenui, come i Troiani davanti non all’esercito greco ma al cavallo di Troia, più greco dell’esercito greco.

Ma il nostro personale e collettivo kidnapping è cominciato, prima che come faithnapping, come lovenapping:
dapprima l’amore era solo un nome non indispensabile del venire trattati bene (almeno qualche volta), e improvvisamente, Blitzkrieg!, siamo stati sequestrati, traditi, da “L’Amore”:
poi da l’afféde, o “La Fede”.

Era buono l’incipit di quel canto della Resistenza

Una mattina mi son svegliato
[…] e ho trovato lInvasor!”

ma non ho trovato un solo Resistente che lo abbia capito.

“Bella ciao” significa che poi nulla va, inclusa la “bella”, che non ne vuole sapere.

Rileggere l’articolo di ieri.

PS

Ho appena parlato del “significante” lacaniano, il tradimento della lingua ontologica platonica:
J. Lacan non era arrivato a tanto.

lunedì 6 dicembre 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.