ZIMBELLI E LIBERTÀ. ATTUALITÀ

É un vecchio quesito:
perché ci sottomettiamo a qualsiasi cosa, con ribellioni isteriche e melanconiche o comunque inefficaci?:
la “servitù volontaria” è già stata osservata da secoli, e ne abbiamo già parlato.

In breve, basta vedere i giornali anche televisivi per leggere un copione di zimbelli (A. Schopenhauer), scarrafòni (napoletano), oggetti a (J. Lacan):
nell’attuale momento politico d’Italia, specchio del mondo, è difficile trovare un non-zimbello, non-dupe diceva ancora J. Lacan, elettore o eletto:
più si oppone più si im-piglia.

Colloco qui ciò che ho scritto in Padroni di giovedì 28 0ttobre:
c’è un Padrone assoluto (Teoria dell’amore e dell’istinto al primo posto) e bipartisan che ci fa obbedire a qualsiasi Padrone, anche idiota ridicolo e palesemente inaffidabile:
lo zimbello precede il servo, poi attende l’SS per giustificarsi.

L’educazione educa alla Teoria:
io sono per istituire, non per educare.

Un’antica Dottrina, che ha il mio assenso, asserisce che solo un già servo − asservito a un errore, del quale potrebbe poi essere complice −, può diventare libero cioè competente in libertà per passaggio a un regime in cui la servitù sia riconosciuta e la caduta in servitù sia decaduta.

La psicoanalisi è un approccio singolare a questo passaggio.

Senza questo passaggio la parola “libertà” è solo il nome di un delirio:
ho visto delirare, nel corso di un’analisi, per ostilità al riconoscimento della servitù, e ciò non è sorprendente, logico piuttosto:
anzi, per ostilità al riconoscimento della banalità della caduta nella servitù, per un trauma di testa o Teoria che non sopporterebbe la luce del sole.

Si tratta del “delirio della presunzione”:
− non ricordo più chi ha inventato questa espressione nella serie Lacan-Kojève-Hegel −,
… che resiste a “che stupido sono stato”!

Riprenderò dalla triplice rivoluzione (amore-padre-ente).

mercoledì 3 novembre 2010

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.