VIVA LA LINGUA VIVA: CONCLUDO J. LACAN

E’ appena uscito, approfittando di una pubblicità sulla prima di Il Sole-24Ore di oggi, il mio breve libro-telegramma intorno a J. Lacan:

Lacan e la diseconomia di partenza

sottotitoli: Loggetto a ovvero lo scarrafòne”. Ontologia volgare e libertà”.

Tutto dev’essere a portata di mano, terra-terra come lo è anche una lirica sulla fogna (battuta presente nel testo), con difficoltà lessicali e inferenziali elementari.

Si tratta di passare dalla lingua che fa morti nel pensiero, che è la lingua esplorata da J. Lacan (“Simbolico”)
− la lingua ontologica platonica, parole-cose, predicati fissi senza giudizio cioè oggetti a −,
alla lingua viva dei liberi
− la lingua dell’imputabilità o del giudizio, parole-atti, e sono atti anche quelli intellettuali e verbali, come è atto il giudizio.

Questo passaggio è il mio lavoro, il mio Űbertragungsarbeit o lavoro di “transfert”:
in ultima analisi è questo il “transfert” (Űbertragung), e ho tradotto Űbertragungsliebe “amore per trasporto”, concludente:
certo non l’innamoramento, che non è trasporto cioè moto ma fissazione, già riqualificato da J. Lacan come odio.

É stato J. Lacan a scrivere “In principio era il transfert”.

Certo il suo non gratuito divertissement intellettuale non è facile, ma la facilità segue al lavoro di svolgimento della difficoltà peraltro feconda.

Per esempio, chi è venuto a capo di:
Hommoinzune”?, o peggio di
Y a d’l’un”?, e anche di
…“Je vous demande de me refuser ce que je vous offre parce-que ç est pas ça”?:
quando ci ripenso rido ancora.

Una volta si è definito:
Je suis un auteur léger”, vero malgrado tutto.

martedì 23 novembre 2010

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.